Pubblicità

Il pane Fratau è una pietanza tradizionale della Sardegna,l’ingrediente principale è il pane carasau tipico pane di questa regione. Mentre gli altri ingredienti sono: salsa di pomodoro, il pecorino, uova, brodo di capra o brodo vegetale e basilico. Era una pregiatissima pietanza dei pastori di una volta, il pane avanzato veniva ammorbidito in un brodo e poi veniva aggiunto pomodoro e pecorino, dopo fu aggiunto l’uovo per renderla ancora più saporita e gustosa( per me è perfetto). Grazie a uno scambio di ricette con la mia amica Francesca Cureli , l’ho riprodotto in chiave moderna. Questa pietanza non ha fatto altro che confermare ciò che sostengo sempre, che un figlio non può nascere senza una madre. La tradizione è l’ingrediente principale. Nell’articolo vi svelo la mia ricetta,(Francesco Capasso) e vi giuro mi sono emozionato nell’eseguirla.

Ingredienti: 1 uovo fresco, sedano, carote, cipolla e rametto di prezzemolo(gambi) per brodo, 2 fogli di pane carasau, 1/2 litro d’acqua, passata di pomodoro, cipolla e aglio ,100g pecorino, basilico, olio, sale q.b. 2 ciotoline acqua fredda.

PROCEDIMEMTO:

Prepariamo la polvere di pomodoro. Immergiamo dei pomodorini in acqua calda per un minuto(dipende dalla maturazione) prima però creiamo delle incisioni a croce, per poi subito immergere in acqua fredda, prelevare la pellicina adagiarla su una griglia , metterli nel forno e impostare la temperatura a 70 gradi per 5 ore tenendo lo sportellino del forno leggermente aperto. Dopodiché se tutto è andato bene frulliamo e creiamo la polvere. Incominciamo a fare un brodo, inserendo nell’acqua fredda sedano sale carote e cipolla, volendo possiamo aggiungere anche un pezzo di carne di capra, farlo andare a fiamma bassa per circa 45 minuti, se aggiungiamo un pezzo di carne per circa un’ora e mezza. Prepariamo la salsa di pomodoro, in una padella mettiamo l’olio , cipolla e aglio tritati, appena soffrigge e imbiondisce inseriamo la passata di pomodoro. Lasciamo cuocere a fiamma bassa finché non si riduce della metà. Prendiamo il basilico lo sbollentiamo in acqua e sale per circa 15 secondi per poi dopo immergelo subito in acqua e ghiaccio. Frulliamo il basilico con un po’ d’olio freddo e filtriamo. Prendiamo il pecorino mettiamo in un bicchiere per il mixer inseriamo un filo d’olio e il liquido del basilico, frulliamo delicatamente finché non diventerà una crema omogenea. Immergiamo due fogli di carasau nel brodo per circa 10 15 secondi, li mettiamo su un foglio di carta assorbente e creiamo dei cerchi con il coppapasta. Filtriamo il brodo, tenerlo a temperatura e mai a bollore. Prendiamo un uovo lo rompiamo e lo teniamo in una ciotolina , inseriamo nel brodo per mezzo litro d’acqua 5 grammi di aceto,creiamo un vortice con una frusta quando più veloce possibile e immergere subito al centro l’uovo. Cerchiamo di tenere il vortice andando con la frusta a girare sui bordi, dopo circa un minuto un minuto e 10 prendere l’uovo in camicia con una ramina delicatamente e adagiarla nell’acqua fredda per circa 5 secondi, questa procedura serve per creare lo shock termico e servirà per tenere l’albume solido e ne preserviamo la rottura. Dopodiché non vi resta che impiattare alternando gli strati al pane carasau. Spero che vi sia piaciuto risponderò ai vostri commenti e aspetterò una vostra riproduzione. Grazie per la condivisione e attenzione ,seguiteci su arte&cuina e arteecucinaofficial

Visitato 190 volte, 1 visite oggi